MENU

Innovazione Sostenibile in Viticoltura ed Enologia (LM-70)

In questa pagina

Nome e caratteristiche del corso

Denominazione del corso in italianoInnovazione Sostenibile in Viticoltura ed Enologia

Denominazione del corso in inglese: Sustainable Innovation in Viticolture and Enology

Classe di laurea: LM-70 Classe delle lauree magistrali in Scienze e tecnologie alimentari

Curriculum:  A- Viticoltura di precisione ed enologia 4.0 (UniFI)

                         B- Vitivinicoltura biologica e agroecologia (UniPI)

Durata del corso: 2 anni - Corso di Laurea interateneo con l'Università degli Studi di Pisa

Accesso programmato: SI - vedi Bando

Crediti: 120

Lingua in cui si tiene il corso: italiano

Websitehttps://www.agr.unipi.it/laurea-magistrale-innovazione-sostenibile-viticoltura-enologia/

SUA-CdS: accesso alla scheda del corso

Materiale informativo: brochure 

Descrizione del Corso di Laurea Magistrale

La LM in Innovazione sostenibile in viticoltura ed enologia è un Corso di Laurea interateneo tra l'Università di Pisa e l'Università degli Studi di Firenze che mira alla formazione di figure professionali capaci di svolgere attività complesse di pianificazione, gestione, controllo e coordinamento nell’ambito dell’intera filiera vitivinicola in un’ottica di sostenibilità e tutela dell’ambiente impiegando consapevolmente rigorosi metodi scientifici e strumenti di lavoro innovativi.
Il corso di laurea magistrale organizzato in 2 anni accademici: il primo anno si svolge presso l'Università di Pisa (I semestre) e l'Università degli Studi di Firenze (II semestre) con docenti dei due Atenei, e comprende principalmente insegnamenti caratterizzanti obbligatori per tutti.  Il secondo anno prevede due indirizzi.
Aspetto qualificante del corso il tirocinio obbligatorio, da svolgere in aziende vitivinicole e/o laboratori caratterizzati da un alto livello di innovazione riguardo alle tecniche di coltivazione, i processi condotti in cantina e le analisi e/o le attività di ricerca e sviluppo condotte nei laboratori.

Requisiti di accesso di Laurea Magistrale

Possono accedere i laureati triennali delle classi L-25 (Scienze e tecnologie agrarie e forestali) e L-26 (Scienze e tecnologie agro-alimentari), o in possesso di titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo dal Consiglio del Corso di Studio, o che siano in possesso di Diploma Universitario, a condizione che siano stati conseguiti almeno 45 CFU nei seguenti settori scientifico disciplinari:

- da AGR/01: 5 CFU

- da AGR/03: 10 CFU

- da AGR/11 a AGR/12: 10 CFU

- da AGR/15: 14 CFU

- da AGR/16: 6 CFU

Il possesso delle conoscenze di base sulle caratteristiche peculiari della vite e gestione del vigneto, principali parassiti e protezione della vite, microbiologia e processi di vinificazione, dei candidati è accertato da un'apposita commissione, designata annualmente dal Consiglio del corso di studio su proposta del Presidente del consiglio di corso di studio, mediante l'analisi degli esami sostenuti nel corso di laurea triennale e un colloquio (anche per via telematica). La Commissione verificherà anche il livello di conoscenza della lingua inglese, che dev'essere pari almeno al livello B1. Tale livello può essere comprovato anche da apposita certificazione. Il bando per la domanda di ammissione specificherà i criteri per la valutazione dei candidati.

Inoltre, gli studenti che accedono al corso di laurea magistrale con un livello di conoscenza della lingua inglese pari almeno a B1, dovranno inserire nel proprio piano di studi 3 CFU di attività linguistiche che permettano loro di raggiungere il livello B2.

 

Sbocchi occupazionali

Per il dottore magistrale in INNOVAZIONE SOSTENIBILE IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA si prevede un'occupazione nel settore vitivinicolo, con un ruolo di tipo dirigenziale in aziende medio-grandi o di consulenza ad aziende individuali o a reti di imprese. Si prevede inoltre l'accesso alla pubblica amministrazione, nei ruoli degli organi di controllo e nella dirigenza del settore, e nelle Università ed Istituti di ricerca pubblici e privati.
Il Corso di Laurea Magistrale in Innovazione Sostenibile in Viticoltura ed Enologia consente l’accesso al Dottorato di Ricerca ed ai master di II livello. Il titolo conseguito, inoltre, permette la partecipazione al concorso per l’abilitazione alla libera professione di Dottore Agronomo e Forestale. I laureati che avranno crediti in numero sufficiente in opportuni gruppi di settori potranno- come previsto dalla legislazione vigente- partecipare alle prove di ammissione per i percorsi di formazione per l’insegnamento secondario.

Articolazione delle attività formative ed eventuali curricula

Nel corso di laurea magistrale il primo anno verrà svolto presso l'Università di Pisa (I semestre) e l'Università di Firenze (II semestre) con docenti dei due Atenei, e comprende principalmente insegnamenti caratterizzanti obbligatori per tutti.
Gli insegnamenti del secondo anno prevedono un ridotto numero di lezioni frontali, in quanto verranno privilegiate le attività di campo, di laboratorio e le attività seminariali. Inoltre, gli studenti potranno scegliere fra un curriculum principalmente dedicato alla viticoltura di precisione e alla gestione dei processi enologici, svolto presso l'Università di Firenze, e uno principalmente dedicato alla viticoltura biologica, svolto presso l'Università di Pisa.
Nel corso avrà un ruolo centrale l'attività di tirocinio obbligatorio, che si svolgerà in aziende vitivinicole e/o laboratori caratterizzati da un alto livello di innovazione riguardo alle tecniche di coltivazione, i processi condotti in cantina e le analisi e/o le attività di ricerca e sviluppo condotte nei laboratori.
Il corso si completa con le attività a scelta libera e la prova finale.

Caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo

La prova finale consiste nella discussione di una Tesi di Laurea Magistrale individuale, scritta sotto la direzione di un relatore, di carattere progettuale o sperimentale con elementi di originalità e finalizzata alla realizzazione di progetti di innovazione da costruire insieme alle imprese. La tesi, da svolgere prevalentemente durante il secondo semestre del secondo anno, potrà essere sviluppata anche attraverso l'attività svolta nell'ambito di un progetto di innovazione concordato in un’azienda convenzionata, e potrà essere integrata con il tirocinio.
Il titolo viene rilasciato congiuntamente dalle due Università consorziate; si consegue con discussione dell'elaborato davanti ad una Commissione appositamente nominata e costituita da docenti degli Atenei convenzionati.
La valutazione conclusiva della carriera dello studente dovrà tenere conto delle valutazioni riguardanti le attività formative precedenti e la prova finale.

Piano di studio

vai alla pagina specifica

Ordinamento e Regolamento Didattico

Ordinamento didattico: 2019

Regolamento didattico: 2020

 

Presidente

Prof. Claudio D'onofrio

L'organigramma completo è consultabile cliccando qui.

 

Tutor universitario

Annita Toffanin

 

Rappresentanti degli Studenti

Gloria Cacopardo - g.cacopardo@studenti.unipi.it

Matteo Cantini - m.cantini9@studenti.unipi.it

Alessandra Cucco - a.cucco2@studenti.unipi.it

Anna Maria Varde' - a.varde@studenti.unipi.it

Ultimo aggiornamento

16.07.2022

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni